Crese Cup 2019: ufficiale il ritorno del basket nel palinsesto sportivo

On

Meno di due mesi ci separano dallo start ufficiale della storica Crese Cup
numero 18. Edizione che annovera nel programma sportivo un gradito e
atteso ritorno: quello della palla a spicchi, uno sport che non esige grandi
presentazione, specialmente a queste latitudini. Dal 2011, anno del suo
esordio nell’edizione muggesana, il basket ha sempre animato le estati
targate Crese, sino all’improvviso stop forzato della passata stagione.

A SAN LUIGI RITORNANO I CANESTRI Sin dal 2 luglio scorso, day after
della giornata finale della 17ª edizione (la quarta a San Luigi), lo staff Crese ha iniziato a lavorare ad una soluzione che permettesse alla pallacanestro di ritornare a far parte del palinsesto sportivo in occasione della Crese Cup numero 18. Una ricerca tanto meticolosa quanto estenuante che alla fine ha portato ad inizio del 2019 i frutti sperati: la Crese può riabbracciare ufficialmente il basket.
“Con il nuovo manto sintetico posto sul campo a 11 di via Felluga abbiamo
trovato forti resistenze nell’opera di stabilizzazione del campo da basket in nostra dotazione – afferma l’ideatore nonché organizzatore della Crese Cup Mattia Milazzi -. Già l’estate scorsa abbiamo avviato diversi tentativi per cercare di ovviare a tale problematica, senza però riuscirne a venire a capo. Nei mesi scorsi sono riuscito a mettermi in contatto con una ditta
specializzata di Milano che ci ha prestato un campione di un campo
tecnologicamente all’avanguardia rispetto al nostro e le prove hanno dato esiti positivi”. Un esito felice sia per gli organizzatori della Crese che per i tanti amanti della palla a spicchi. “Penso che in molti apprezzeranno la bontà di questo investimento – prosegue Milazzi -, anche perché nei miei programmi una Crese senza basket non c’è mai stata. Non vedo l’ora quindi di vedere nuovamente baskettari di ogni età darsi battaglia sotto i tabelloni”.

PROGRAMMA INNOVATIVO Non sarà un rientro “normale” quello della
palla a spicchi alla Crese. L’organizzazione si è infatti subito messa in moto per creare un programma cestistico ricco di novità. “Stiamo lavorando per rendere speciale l’ottava edizione del Crese Basket – afferma lo storico responsabile Crese Basket Roberto Kidzik -. L’obiettivo è quello di ampliare il numero di tornei, abbracciando categorie come il mini-basket, le categorie under, il basket in rosa e non per ultimo istituire una kermesse interamente dedicata al basket 3vs3”. Ed è proprio sulla versione “da playground” della palla a spicchi che al momento sono concentrati i maggiori sforzi, come ci rivela lo stesso Kidzik: “L’idea al vaglio è quella di riservare un fine settimana solamente alla competizione 3vs3; kermesse che al suo interno (come da tradizione) annovera anche un 3-point contest, che ha lo scopo di dividere la prima fase del torneo dalle sfide ad eliminazione diretta. Si tratterebbe di una vetrina importante per questo sport, e noi lavoriamo affinché tale progetto si possa realizzare”.
Organizzazione avviata con risultati incoraggianti anche per quel che
concerne la competizione 5vs5. “Anche se siamo al lavoro da pochissimi
giorni, debbo dire che abbiamo avuto già un discreto numero di adesioni dai team che per cause di forza maggiore non hanno potuto scendere in campo nell’edizione 2018. L’anno scorso furono ben 13 i team iscritti… L’obiettivo è quello di raggiungere anche quest’anno la fatidica doppia cifra. Limitazioni tesserati? L’idea è quella di concedere uno spot per un giocatore militante entro e non oltre il campionato di Serie D”.

COPERTURA MEDIATICA A 360° Novità non solo in campo, bensì anche
a bordocampo per quel che concerne il ritorno del basket alla Crese. Sarà
infatti la giovane ed elegante Kristina Tomic a seguire gli eventi targati
Crese Basket. “Sono felice e allo stesso tempo un po’ nervosa per questo
imminente debutto alla Crese – afferma Kristina -. Da quello che mi hanno raccontato, la Crese è una manifestazione estremamente dinamica, con un calendario ricco di eventi e partite. Sarà emozionante seguire in un mese un numero così alto di partite”. Già speaker radiofonico di Radioincorso.it, Kristina Tomic fa parte di due importanti realtà del giornalismo sportivo locale quali Radio Attività Sport e City Sport, con un area di competenza che svaria dalla pallacanestro alla pallanuoto. “Le mie radici sono serbe, quindi per noi lo sport è sempre risultato più una vocazione che un hobby – ci confida Kristina -. Lo sport di famiglia è sempre stata la pallacanestro (mio padre vanta trascorsi nel settore giovanile del Partizan), ma il mio primo sport è stato il nuoto. Solo al mio arrivo a Trieste ho iniziato a tirare a canestro; esperienza che è durata un paio di stagioni. La folgorazione per il giornalismo? Risale ai tempi dell’università. Durante la mia esperienza presso la radio dell’ateneo, ho incominciato ad appassionarmi al giornalismo sportivo. Non vedo l’ora di incominciare questa nuova avventura”.

Fonte: Ufficio Stampa Crese Cup

Lascia un commento