JUDO – Il 20° Judo Winter Camp fa il record con 1180 atleti

On

Millecentottanta atleti provenienti da tredici nazioni, con tanti campioni e tantissimi top ranking mondiali. È questa la fotografia della ventesima edizione del Judo Winter Camp che, dal 3 al 6 gennaio, ha invaso il Bella Italia Village a Lignano. “È stata l’edizione più importante per numeri e qualità – ha detto Ezio Gamba, general manager della Russia e coordinatore del Winter Camp – il livello generale si è alzato, ma il lavoro è stato ottimo e con partner adeguati per tutti. Addirittura sorprendente la presenza femminile, che ha registrato un considerevole incremento di partecipazione, fino ad attestarsi agli standard europei”. Sono stati presenti tutti i migliori fra atleti e tecnici del judo italiano, da Fabio Basile a Odette Giuffrida, da Edwige Gwend al nostro Matteo Medves, ma anche Ylenia Scapin e Pino Maddaloni. E poi tantissimi anche gli stranieri, con i campioni di Russia, Francia, Slovenia, la portoghese Telma Monteiro o la brasiliana Nathalia Brigida, “è stata un’esperienza straordinaria – ha detto – ora a Mittersill mi aggrego al resto della squadra, trasmetterò il mio entusiasmo e spero che l’anno prossimo ci saremo tutti”. Il successo più bello però, è stato quello ottenuto dal coinvolgimento e dalla condivisione, elementi che hanno caratterizzato l’organizzazione di un evento che, in questo modo, ha consolidato lo straordinario rilievo internazionale acquisito. Si è trattato di una rete operativa guidata dal Dlf Yama Arashi Udine con la partecipazione di Dojo Sacile, Bear Brothers Trieste, Fenati Spilimbergo, Tenri San Giovanni al Natisone, Jigoro Kano Roncade e del Media Team FVG. Eccellente anche il risultato tecnico, con il coinvolgimento e la soddisfazione delle società regionali e, fra le più numerose, Sport Team Udine e Kuroki Tarcento, Skorpion Pordenone, Tamai, Montereale, Accademia Muggia. “Questa è stata l’edizione n. 20 ed è coincisa anche con un apice organizzativo – ha detto Letizia Pinosio, presidente del Judo Yama Arashi – che ha premiato il piacere della condivisione. È stato straordinariamente bello raccogliere i complimenti di importanti delegazioni nazionali straniere e poterli condividere con i nostri numerosi volontari e chi, con entusiasmo, ha accolto il nostro invito”. Il successo del Judo Winter Camp è stato il modo migliore per iniziare un 2019 che si prospetta molto interessante, soprattutto per chi sogna di guadagnarsi un posto per Tokio 2020.

Fonte: Enzo de Denaro

Lascia un commento