#Fvgsport

Il messaggio del patron del Cjarlins Muzane, Vincenzo Zanutta: “Siamo determinati a raggiungere il nostro obiettivo”

E’ stato un battesimo colmo di affetto e partecipazione per il nuovo
Cjarlins Muzane di Patrick Bertino. Nella serata di gala, presentata da
Simone Fornasiere, che ha coinvolto tutta la rosa e la tifoseria
arancioazzurra, non sono mancate le autorità dello sport e della
politica, rappresentate dal Consigliere del Comitato Regionale LND
Gabriele Pecile, dal Consigliere regionale Mauro Bordin e dai Sindaci di
Muzzana, Erica Zoratti, e di Carlino, Loris Bazzo.
Una società che parte dal basso, che mette radici nel territorio e che
fa crescere i propri ragazzi, questo rappresenta il Cjarlins Muzane:
“Crediamo molto nello sviluppo del settore giovanile – ha detto Gianluca
Zanutta a margine della presentazione degli Juniores Nazionali affidati
a Thomas Randon –. I nostri ragazzi sono l’orgoglio della società e ora
stiamo raccogliendo i frutti di quanto abbiamo seminato negli ultimi
anni. Prima dell’interruzione della stagione le nostre squadre erano ai
vertici dei rispettivi campionati. Tutti i ragazzi sanno che qui devono
dare il massimo e dimostrare che contano i fatti, non le parole.
Puntando a obiettivi molto alti il Cjarlins Muzane è arrivato fin qui e
siamo convinti che sia la strada giusta”.
Inizia così il quarto campionato di Serie D e il presidente Vincenzo
Zanutta sembra credere che questo possa essere l’anno buono: “Per la
nostra diciottesima stagione abbiamo cambiato il timoniere e abbiamo
scelto di puntare su un mister che fa del calcio una vera e propria
filosofia di vita. Ho scommesso su Bertino per la sua dedizione al
lavoro, che mi ha conquistato dal primo momento. E’ un mister
professionista, determinato e che non ha paura di affrontare una
categoria per lui inedita. Lo staff è cresciuto a livello tecnico e
gestionale con nuovi innesti. Abbiamo voluto dare continuità al profilo
della squadra, inserendo tre nuove figure che andranno a sostituire
elementi importanti come Calligaro e Migliorini, due persone splendide,
che ci hanno lasciato per abbracciare altri progetti e diversi stili di
vita. Siamo convinti che questa rosa sia pronta e competitiva per
affrontare il Girone C della Serie D. Il nostro obiettivo, come ho già
detto senza presunzione, è quello di vincere il campionato e ci
batteremo per raggiungerlo. Come ho spiegato ai giocatori, dobbiamo
entrare in campo a testa bassa, con umiltà e rispetto per tutti gli
avversari. Vincere il campionato significa mettersi dietro 19 squadre,
non è una corsa salvezza dove fai riferimento a 4 avversari. Bisogna
cercare di superare sempre gli avversari e ciò rappresenta una sfida
molto stimolante. All’ultima giornata di campionato tireremo le somme e
se qualcuno sarà stato più bravo di noi gli faremo i complimenti per
primi. Abbiamo massima determinazione per affrontare questa stagione e
tutti dobbiamo remare nella stessa direzione: staff, giocatori e
tifosi”.
Entusiasmo per il presente, trepidazione per il futuro, ma anche uno
sguardo al passato. Il presidente Vincenzo Zanutta, infatti, ha voluto
tributare un omaggio all’ex capitano Gianluca Migliorini, presente in
piazza San Marco in mezzo ai supporters, che, molto emozionato, ha
ricordato i suoi trascorsi in maglia arancioazzurra: “Prima che una
squadra, questa per me è stata una famiglia e lo sarà sempre – ha
dichiarato l’ex capitano – Quella di lasciare il Cjarlins non è stata
una scelta facile, ma è stata una scelta di vita: ho deciso di mettere
in secondo piano il calcio e dare altre priorità al mio futuro. Sono
arrivato qui che ero un ragazzino e me ne vado da uomo”.

Fonte: Gabriele Bruni, Ufficio Stampa Cjarlins Muzane