Il friulano Mirko Zanni, prodotto del Centro Federale della Pesistica Pordenone, medaglia di bronzo ai Campionati del Mondo Assoluti di Anaheim

On

5 dicembre 2017

Per la prima volta nella storia del sollevamento pesi italiano un atleta ancora Juniores è salito sul
podio ad un Campionato del Mondo Assoluti. L’autore dell’exploit è Mirko Zanni di Cordenons,
virgulto della Pesistica Pordenone (oggi formalmente appartiene al Gs Esercito, ma continua ad
essere assegnato in collegiale permanente nella sua vecchia palestra, che è peraltro anche Centro
Federale). Zanni ha conquistato la medaglia di bronzo alla rassegna iridata in corso ad Anaheim in
California. L’azzurro è salito sul terzo gradino del podio nella specialità dello strappo, sollevando
144 kg in seconda prova: davanti a lui il coreano Won con 148 kg e il tailandese Bunsuk con 147.
Nello slancio poi si è fermato ai 165 kg in prima prova, piazzandosi decimo nella specialità e ottavo
nel totale con 309 kg. La gara è stata vinta da Jeongsik Won con 326 di totale, davanti a Tairat
Bunsuk con 321 kg. Con i suoi 20 anni appena compiuti ( lo scorso 16 ottobre) era il più giovane
della sua categoria dopo l’americano Cummings.

Una grande impresa – racconta Dino Marcuz, il
maestro della Pesistica Pordenone e suo mentore, insieme a Luigi Grando, fin dai primi passi – il
2017 di Mirko è stato un crescendo continuo e non è ancora finito. Questo ragazzo si merita grandi
risultati e grandi soddisfazioni per la generosità, la tenacia, l’umiltà e la determinazione, che sempre
dimostra
”.

Marcuz si riferisce all’oro conquistato ad ottobre agli Europei Juniores e agli imminenti
Italiani Assoluti che si terranno il 9 e 10 dicembre a Lecce, a questo punto solo una formalità per
Mirko. La strada verso Tokyo 2020 e verso il sogno olimpico è ancora lunga, ma il viatico è
decisamente consistente e lascia davvero ben sperare. E pensare che Zanni avrebbe dovuto andare a
questi Mondiali semplicemente per partecipare e accumulare esperienza. L’atleta primo classificato
nel ranking aveva dichiarato in entrata 20 kg più del Golden Boy pordenonese, il quale, invece, non
si è accontentato del ruolo di comprimario confezionando un’impresa da annali.

Fonte: Ufficio Stampa Piergiorgio Grizzo

.

Lascia un commento