Spostata a domenica 19 maggio la “Ciclofesta a Udine sud”

On

Si tratta di pedalata amatoriale la cui 23. edizione doveva svolgersi domenica 12 maggio, ma le pessime condizioni atmosferiche hanno costretto gli organizzatori a rinunciarvi.

Se il tempo lo consentirà – previsione difficile da azzardare in questa meteorologicamente tormentata primavera del 2019 – l’appuntamento è al Palabocce di Cussignacco: ritrovo dalle ore 8.30, partenza alle 10.

Il percorso prevede transiti lungo le vie Padova, Verona, Sant’Ulderico, dei Prati, ciclovia Alpe Adria, Baldasseria media. Posto di sosta e ristoro presso l’agriturismo Gon. Seconda parte della pedalata per le vie Pradamano, dei Brazzà, Melegnano, Marsala, Gervasutta, Campagnola, Baviera. Passaggio per il Mercatoro agroalimentare del Partidor e infine le vie Tessitori, Adria, Artuico da Cussignacco, Veneto e arrivo al Palabocce comunale.

La quota di partecipazione è di 10 euro è dà diritto a copertura assicurativa, affiliazione al Ciclo Assi Friuli, assistenza, ristoro durante e alla fine della pedalata (vi sarà con un momento conviviale con il PastaParty nel Palabocce). Per i minori di 14 anni la partecipazione è gratuita ma debbono essere accompagnati da un adulto.

Nella malaugurata ipotesi di un nuovo rinvio, difficile stabilire altra data di effettuazione per la “Ciclo festa a Udine sud”. Infatti al Ciclo Assi Friuli sono impegnati nei preparativi del secondo “Gran premio Sappada in Friuli” con protagonisti gli appartenenti alla categoria Allievi (15-16 anni di età). Esso avrà luogo nella mattinata di domenica 26 maggio da Venzone e attraversamento della Carnia per Amaro, Tolmezzo, Villa Satina, Raveo, Ovaro, Comeglians, Rigolato, Forni Avoltri, Piani di Luzza. Termine, dopo un estremo transito dalla località di Cima, con lo striscione di arrivo nel centro di Sappada.

Da segnalare che continuano a giungere alla organizzazione richieste di partecipazione: la prima edizione, lo scorso anno all’indomani del passaggio del Comune di Sappada dal Veneto al Friuli Venezia Giulia, è molto piaciuta. Ma c’è l’intendimento del Ciclo Assi Friuli, per una migliore gestione della corsa, di chiudere il numero a cento concorrenti.

Fonte: Aldo Segale

Lascia un commento